Gli articoli del giornale Forza Trapani. Calcio, Basket e tutti gli altri sport che interessano il nostro territorio.
27-8-19 Forza Trapani è anche Online
Per la tua pubblicità sul nostro sito web 338 631 9551

Basket, sogno playoff? Morgia vede la salvezza

Il doppio incontro casalingo della 2B Control apre nuove prospettive, nel calcio l’obiettivo è tirarsi fuori dai playout

Nel momento in cui andiamo in stampa, la Pallacanestro Trapani incontrerà al Palailio Treviglio (recupero della XV giornata, II di ritorno) nel turno infrasettimanale di mercoledì 16, primo di un doppio turno casalingo che domenica ci vedrà al cospetto della UCCPiacenza.

Trapani arriva da un buon momento, con due belle vittorie contro la Bakery, in rimonta, ed in trasferta a Casale prima della sconfitta di Milano.

Malgrado le continue defezioni per infortuni ed i problemi legati al ritardo nel pagamento degli stipendi possiamo affermare che i ragazzi di Daniele Parente se la stanno cavando per bene.

Per il coach, possiamo affermare, trattasi, quest’anno, di una consacrazione per il risultato fin qui raggiunto, ripetiamo tra tante difficoltà, e se Mollura e compagni riuscissero a trarre il meglio nelle due uscite casalinghe il campionato dei granata potrebbe instradarsi in un viatico del tutto inaspettato, ossia i playoff.

Ma la notizia bella, negli anni trascorsi qualche idea era trapelata tra i se ed i ma, positiva, è l’acquisizione del ‘magico’ Palagranata da parte dell’attuale presidente Pietro Basciano, insieme al presidente di confindustria Gregory Bongiorno.

Mettiamo da parte i ricordi, tanti, che la pallacanestro diede a Trapani con l’apice della promozione in A1 agli inizi degli anni ‘90; riprendere in mano il Palagranata vuol dire investire sul futuro della palacanestro il Città, e diteci se è poco in un momento come questo, ove le contingenze negative sul tessuto economico del territorio sono tante e problematiche.

Dal grigiore di un periodo ove molti paventavano un disimpegno da parte di Basciano e che allarmavano i più in vista delle scadenze dello scorso 16 febbraio, si è passati a intravedere un futuro senz’altro più allettante, appunto, con l’acquisizione del ‘vecchio’ catino della bella tradizione cestistica di Trapani.

E non pensiamo affatto che Basciano abbia acquistato il Palagranata per aprire un ristorante od ospitare un mercato agricolo o fieristico.

Raggiungere attraverso il risultato sul campo, come dicevamo prima, nuovamente l’appendice dei playoff potrebbe essere una sorta di antipasto per una programmazione sportiva più importante.Sotto allora con Treviglio e Piacenza!

Discorso, ad oggi, inverso per il Trapani Calcio. Fuori dalla Coppa Italia, dopo la sconfitta di Cittanova, ai ragazzi di Morgia rimane l’obiettivo di uscire quanto prima dalla zona a ridosso dei playout.Un’operazione non molta difficoltosa, dato che il Trapani dovrà ancora recuperare tre incontri, due dei quali al Provinciale e con squadre alla portata; inoltre le prossime gare di campionato mettono l’undici granata nelle condizioni di potere fare punti utilissimi alla propria classifica.

Aldilà di ciò, la partita sensibile, importante, si gioca sul futuro calcistico e proprietario.Mazzara e soci da soli potranno affrontare il prossimo campionato?Un campionato che possa vedere il Trapani in corsa per conquistare un risultato più ambito che possa metterci nella condizione di tentare, nuovamente, la corsa verso i professionisti? Sappiamo che dietro l’angolo rimane sempre ed ancora Daniele Faggiano, pronto a dare la classica “mano d’aiuto”, sul tavolo della trattativa, in ogni caso, dovranno concordare le due parti. Per fare di più e meglio sul lato tecnico e dei risultati calcistici serve allargare, quanto meno, l’assetto societario prima possibile per potere programmare le migliori condizioni.

Sicuramente, ribadiamo, bisogna dare i giusti meriti a chi ci ha consentito di potere nuovamente calcare i manti erbosi e rimettere in un campionato la maglia granata.Ciò non bisogna scordarlo, nè tantomeno bisogna sottovalutarlo.

Intanto l’importante vittoria di Giarre mette i granata nelle condizioni di rifiatare e tentare di recuperare qualche posizione. Le tre gare da recuperare e il calendario che, al momento, ci mette al cospetto di squadre alla portata consentono di farlo.

Eppoi, ricordiamo, sognare non nuoce, lo scorso anno il Siena fu ripescato in C seppur nel precedente campionato di D non sfiorò neanche i playoff.Gli ultimi dieci anni di storia calcistica riportarono i toscani in C. Ma per tentare serve una società solida economicamente e credibile.

Leonardo FONTE