calcio

C’è il Chievo al Provinciale, cercasi impresa

Il campionato dei granata entra nel vivo, a Trapani arriva la terza forza del campionato. Formazione di ben altra consistenza rispetto al Livorno. Rientrano Nzola e Pagliarulo

E adesso viene il bello. Nel senso che il campionato del Trapani potrebbe adesso davvero entrare nel vivo. Subito però al Provinciale sarà di scena una delle grandi di questo campionato, il Chievo. 

La partita sarà giocata domenica alle ore 15:00 e speriamo possa essere seguita da un pubblico numerosamente degno di una sfida di tal genere. Sia come cornice di una giornata di gran calcio, sia perché il Trapani di Livorno lo meriterebbe. 

Quando tutti o quasi li davano per spacciati, Baldini e i suoi giocatori hanno tirato fuori una prestazione tutto cuore e qualità. E questo è stato davvero un gran segnale lanciato al campionato ma anche e soprattutto alla loro gente. Per la serie…”noi ci siamo e voi?”. 

Certo con il rispetto che si deve a tutti, l’avversario di domenica non può essere paragonato al Livorno.

Il Chievo è stato costruito con ben altri propositi e ben altra consistenza, dopo tredici giornate la classifica serve a testimoniarlo. I gialloblù sono terzi con 21 punti, come Crotone e Cittadella. 

Davanti hanno solo il sorprendente Pordenone a 22 e il favoritissimo Benevento già in fuga a 28. Posizione raggiunta proprio nell’ultima giornata di campionato, battendo nel posticipo del lunedì l’Entella per 2-1 grazie alla reti di Vaisanen e Dickmann. 

Non è stata una partita semplice, perché dopo un primo tempo praticamente dominato i clivensi hanno dovuto reggere nel secondo la reazione degli ospiti. 

Alla fine però la formazione allenata da Marcolini è riuscita in quello che si era prefissato, soprattutto dopo la sconfitta del Crotone nel big match di Benevento e il pari interno del Cittadella con il Pisa. Dimenticando di contro la netta battuta d’arresto nell’ultima giornata prima della sosta a Frosinone per 0-2.

Quella che ci attende sarà comunque una partita tosta, come del resto saranno ormai tutte quelle che dovremo affrontare in questo finale di girone. 

Ne consegue che il Trapani non potrà troppo guardare all’avversario di turno d’ora in poi, ma solo e soltanto a se stesso. Prepararsi bene ad affrontare ogni partita, con il chiaro intento di cogliere quanti più punti possibili. 

Poi a Gennaio si vedrà cosa riuscirà o potrà fare sul mercato la società per migliorare ancora di più quest’organico. A tal proposito è stato già preso un altro svincolato, dopo Biabiany, ovvero il difensore argentino Fausto Grillo

Si tratta di un classe ’93, quindi un 26enne che ha firmato un contratto fino al prossimo giugno. Proviene dal campionato turco, dove ha militato nel Goztepe, collezionando però solo cinque presenze. Quindi le sue condizioni fisico-atletiche saranno tutte da valutare.

Tornando al Chievo, Marcolini preferisce schierare la sua squadra con il modulo 4-3-1-2.

Formazione robusta, coriacea e battagliera. Gli elementi di maggior spicco dell’attacco sono sicuramente i 34enni Giaccherini (assente contro l’Entella per un acciacco muscolare) e Meggiorini, il primo ex Juve, Napoli e Nazionale;

il secondo capitano della squadra con diversi campionati di Serie A alle spalle, tra le altre ha giocato anche nell’Inter. Ma come trascurare Rodriguez, che in passato ha già fatto male al Trapani, e Djordjevic che dovrebbe tornare disponibile dopo l’infortunio proprio al Provinciale.

In mediana il Chievo punta soprattutto sul vigore atletico dei suoi centrocampisti, pochi fronzoli e molta sostanza, mentre la difesa sembra in fase di crescita dopo qualche scivolone di troppo. Una squadra che in pratica si sta assestando partita dopo partita sui livelli previsti ad inizio stagione.

Il rendimento del Chievo fino a questo momento è stato piuttosto altalenante. Lo score parla di 5 vittorie, 6 pareggi e 2 sconfitte; 19 reti fatte e 15 subite.

In trasferta il Chievo ha ottenuto 9 punti sui 21 disponibili, vincendo in due occasioni (Venezia e Livorno) e perdendo in altre due (Perugia e Frosinone). Poi tre pareggi.

In casa Trapani, Baldini recupera Nzola e Pagliarulo dopo la squalifica, ma il francese potrebbe accomodarsi in panchina. Vedremo se nell’occasione ci sarà spazio per la qualità di Corapi.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Commenta questo articolo

Questo sito utilizza i cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Per disabilitare i cookie non necessari o per sapere di più, leggi la nostra cookies policy
Si, accetto