Per la tua pubblicità sul nostro sito web 338 631 9551
27-8-19 Forza Trapani è anche Online
Gli articoli del giornale Forza Trapani. Calcio, Basket e tutti gli altri sport che interessano il nostro territorio.

E’ l’uomo chiave della stagione dell’Asd Accademia Trapani. Federico Nolfo

E’ l’uomo chiave della stagione dell’Asd Accademia Trapani, anche se lui non è uno di quelli che si prende i meriti ma ragiona da collettivo. Ragazzo solare, sorridente e da 16 gol in stagione: sua – manco a dirlo – la firma del momentaneo 1-0 contro il Petrosino nella finale play off che ha permesso all’Accademia di andarsi a giocare la Promozione nel triangolare con Gemini e Villarosa. Federico Nolfo, il più classico dei numeri 9 vecchio stampo, si confessa ai nostri microfoni: «Bisogna dare merito a chi mi ha messo in condizione di realizzare tanti gol, che sono della squadra. Non mi aspettavo un’annata così profilica; è sicuramente una delle migliori perché sono molto tranquillo e soprattutto mi sto divertendo. Forse il fatto di giocare insieme a tanti ragazzi molto più piccoli di me mi ha fatto tornare ragazzino: la chiave di tutto è questo, sono sereno sotto tutti i punti di vista. Un sentito ringraziamento va al presidente Ciaramita, al DG Gambicchia e ai mister Amoroso e Tagliavia».
Adesso manca l’ultimo sforzo per chiudere con un lieto fine una grande stagione: «Non sarà facile, le partite che ci aspettano saranno delle finali, non si può mai dare per scontato l’esito. Le motivazioni vengono da sé; ognuno di noi troverà la giusta spinta per l’importanza stessa delle gare che andremo ad affrontare. Siamo una squadra composta da giovani – mi ci metto pure io (ride, ndr) – ma personalità più esperte come la mia, di capitan Cammareri e di altri dovranno fargli mantenere alta la concentrazione durante la settimana di allenamenti».
E pensare che Federico, classe 1990, aveva già pensato di lasciare il calcio. Mesi fa una chiamata che cambia tutto: «Non mi divertivo più, non avevo più stimoli. Un giorno mi chiamò Salvatore Tagliavia – preziosa presenza all’interno dello spogliatoio e allenatore in seconda di Alberto Amoroso – prospettandomi il progetto Accademia. Fui restìo all’inizio, mi sentivo tradito da questo sport; parlai con mister Amoroso al quale chiesi del tempo. Non diedi un’immediata disponibilità; feci tutta la preparazione estiva e mi sono nuovamente innamorato del calcio, complice un’alchimia immediata con i compagni di squadra e dove ho ritrovato Alessandro Cammareri, con cui avevo giocato al Trapani. Al cuor non si comanda, il primo amore non si scorda mai e non potrò mai finire di ringraziare i miei compagni per l’entusiasmo che mi hanno ridato e il divertimento ritrovato su un campo di calcio».
Una storia da raccontare, quella di Federico: partito nei Giovanissimi e poi con gli Allievi della Bruno Nardi – alla cui guida c’erano Giuseppe Busetta e Carmelo Mastai – fu ingaggiato dalla Reggina, allora ai massimi splendori della Serie A. «Ho avuto la fortuna di partecipare con la maglia amaranto a due campionati Allievi Nazionali, vincendone altrettanti, e due nella Primavera. Andai in D a Matera e tornai a Trapani, sempre tra i dilettanti. Qui cominciai bene ma la stagione fu compromessa per un grave infortunio». Da quello stop cambiarono le priorità per Federico, dal calcio concepito come possibilità, lavoro a mero divertimento. Esperienze in Eccellenza con Castellammare, Riviera Marmi, con il quale vinse un campionato in Promozione. La fiammella della passione però andava abbassandosi fino ad abbandonare il rettangolo: «Ringrazierò sempre Salvatore Tagliavia per quella telefonata, così come tutti i dirigenti che mi fanno stare bene; la positività che mi trasmettono la porto in campo».
«Aspirazioni future? Ho 32 anni, non sono giovanissimo ma ho un desiderio: quello che questa dirigenza, questo allenatore, questi ragazzi – con qualche altro innesto – salgano pian piano in categorie più prestigiose. Voglio continuare con l’Accademia e vederla crescere anno dopo anno».