calcio

Ricordo di Paolo D’Angelo “Pablito”

Ciao Pablito, ciao Paolo …

scrivo con le lacrime che mi solcano il viso, lo stesso del tuo classe 1959 …

Le lacrime mi solcano il viso poiché, adesso, ho la piena consapevolezza, il ricordo lucido di più momenti, pensando a quanto, spesso, l’essere umano sia ‘piccolo’. E te lo confido poiché so che qualche volta, più d’una volta, sono stato scontroso con te per solo … 1€.

“Fonte un euro a Pablito tuo, ti voglio bene”, “Paolo, lasciami stare”. 

Oggi ciò mi tocca il cuore, oggi ciò mi incide l’animo e lo spirito e mi far stare male. Lo voglio ricordare così e gli chiedo umilmente scusa. 

Sulla sua vita in granata scriveranno in tanti. Paolo era una istituzione al Provinciale, al Palagranata, al Palailio, in trasferta. Tra bus sgangherati e teglie di pasta al forno, come nella trasferta di Mascalucia nella primavera del 1985, o a Gela nel ‘lontano’ 1981 partendo sempre dallo storico club Raimondo Massa, adiacente al campo CONI … Paolo uno di noi, da Trapani a Genova.

Eppure, Paolo, se torneremo a gioire per qualche bel risultato, per qualche promozione, Tu sarai sicuramente al nostro fianco con sciarpa, bandierine, felpa,  annessi e connessi e qualche buon adesivo, quello è sempre ben accetto. Ciao Paolo sei con noi, resterai sempre con noi. Un abbraccio sincero. Ti voglio bene.  Pablito buon viaggio..

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Commenta questo articolo

Questo sito utilizza i cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Per disabilitare i cookie non necessari o per sapere di più, leggi la nostra cookies policy
Si, accetto