calcio

Tutto in 90 minuti, brividi al Provinciale

Una stagione intera in 90 minuti. Novanta dannatissimi minuti, una partita, in palio la storia. È storia di tifo, di sogni e di gloria. Non sarà una gara come le altre, ognuno di noi ce la sta mettendo tutta per farla passare come una partita simile a tutte le altre, ma non è così.

Il Trapani come in ogni gara giocherà in 12: il Provinciale pullulerà di presenze e passione, sarà battuto il record di spettatori di quest’anno (6.562 spettatori gara playoff Trapani Catania) ed è pronto a spingere questa squadra verso un sogno chiamato Serie B.

Finaleplayoff

Inutile parlare di schemi, di tattica, e di diavoleria varie che a questa gara servono più o meno come il sale nel caffè; ora bisogna parlare di alchimia, di empatia, di passione, di volontà, di coraggio. In questa partita tutti e 11 devono attaccare e difendere con la stessa ferocia, come se fosse l’ultima partita della carriera.

La Curva Nord, con ogni probabilità, ci delizierà con una meravigliosa coreografia. Vogliamo uno splendido sole sabato sera, e che quei 90 minuti di pura passione portino una radiosa promozione, una grande gioia insomma. 

E voi cari ragazzi, cari giocatori, siate gladiatori come lo siete stati fin qui. Quando scenderete in campo, quando i tacchetti delle vostre scarpe pungeranno la scalinata, sappiate che quella Maglia vi peserà addosso come un macigno ma dovrete farla diventare leggera come una piuma, usarla come armatura contro un avversario che potete chiamare Piacenza ma che in questo momento si chiama destino.

Si proprio così, destino. Sarete gli artefici del vostro destino e, cosa ancor più importante, ricordatelo, sarete gli artefici del destino sportivo di migliaia di persone e della storia di una squadra che non può più rimanere in questa categoria.

Continuate, insieme al vostro condottiero a lottare con onore e coraggio dipingete di calcio antico, di calcio bello, di calcio unico

Ora basta con le parole, mettiamo tutte le polemiche da parte, tutti concentrati in un unico obiettivo, nel calcio non c’è mai nulla di scontato e l’umiltà deve essere la basi per costruire le più grandi conquiste, ma non possiamo non dirlo e non ricordarlo, non possiamo perdere questo treno, questo è l’anno giusto per tornare dove meritiamo, in serie B.

Sabato alle 22.30 tutto quello scritto precedentemente in questo articolo, per ironia della sorte, sarà risucchiato dal tempo e compresso in 90 minuti più recupero.

Tutto in 90 minuti, contro il Piacenza, tutto, ma proprio tutto: delusioni, illusioni, passioni, lacrime, gioie, passato, presente e futuro. 

Tutto in 90 minuti, di fronte alla propria gente, nel proprio stadio. Massimo rispetto per il Piacenza, è ovvio, ma non c’è tempo per avere paura. 

Ora è tempo solo di vincere… noi abbandoniamoci ai Brividi, al resto ci penseranno la squadra e mister Italiano.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Commenta questo articolo

Questo sito utilizza i cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Per disabilitare i cookie non necessari o per sapere di più, leggi la nostra cookies policy
Si, accetto